Sfatiamo i pregiudizi: cosa succede dallo psicologo?

Chi è lo Psicologo?

Lo Psicologo è un professionista sanitario che svolge attività di prevenzione, diagnosi, intervento, promozione della salute, abilitazione - riabilitazione, sostegno e consulenza in ambito psicologico, rivolte al singolo individuo, alla coppia, al gruppo e ad altri organismi sociali o comunità. Lo Psicologo è una figura in grado di gestire al meglio la condizione di benessere, di accompagnare le fasi di crescita e di porre rimedi per le forme di disagio psicologico, fino ad indirizzare, con competenza, verso la psicoterapia nei casi in cui ciò risulti necessario.

In Italia non esiste una vera e propria "cultura psicologica", e proprio per questo sono nati tantissimi luoghi comuni riguardo la psicologia e la figura dello psicologo, che spesso viene visto come il dottore dei matti, quello che ha tutte le risposte o una persona che consiglia e sa tutto quello che si deve fare. La realtà è molto diversa.


Se hai un dolore fisico, non esiti a prenotare una visita medica. Se hai un disagio psicologico invece, sei portato a nasconderlo. Il disagio psicologico è accompagnato da un forte stigma sociale che talvolta coinvolge la stessa persona che ne soffre. Chi soffre di un qualsiasi disagio psichico infatti, spesso di sente "debole" e trova conferme nella società.

Lo stigma è un termine complesso che include problemi di conoscenza (ignoranza o mis - informazione), di attitudine (pregiudizio) e di comportamento (discriminazione).

Le persone etichettate come "disturbate" perdono valore agli occhi del prossimo perchè l'ignoranza suggerisce che la malattia mentale è qualcosa di diverso dalla malattia fisica. Questo presupposto è del tutto errato e porta anche ad "auto - discriminazioni": chi soffre di disagio psichico affronterà una serie di criticità legate alla bassa stima di sé.

In pratica, l'ignoranza porta a quella percezione: soffrire di una patologia della mente equivale a essere una persona che vale meno degli altri.

Una persona che ha un dolore fisico non esita a contattare un medico; una persona che soffre di un disturbo mentale o di un disagio psicologico decide di ricorrere alle cure solo dopo diversi anni dall'esordio dei sintomi, precludendosi la possibilità del benessere.

Il VALORE delle persone con un disagio mentale NON è diverso da quello di tutti gli altri, sani o malati.

Ogni terapia è una costruzione, ogni colloquio è uno scambio, in cui il protagonista non è il potente terapeuta che dice la sua, ma lo sono invece le narrazioni, i ricordi e le azioni del paziente che trovano un nuovo significato e aiutano nella comprensione di sé.


4 visualizzazioni0 commenti